Sezione: Blog

La scelta definitiva per il layout definitivo

Eric Meyer ci rassicura: non esiste layout, scelta, o tecnica che regga. Realizzare una pagina accessibile a tutti, consultabile su ogni supporto, o in grado di adattarsi alle variabili portate dai nostri visitatori (risoluzione, browser, ecc…) è semplicemente impossibile.

La visione di questo nuovo Web che Eric ci trasmette tramite il suo articolo Making Popular Layout Decisions non è certo delle migliori, ma come lui stesso specifica, non dobbiamo farcene una colpa.

Every time you make a layout decision - fluid vs fixed, scaled vs percentage, a few more people hate you. How do you make the right decisions and when?

Ogni volta che fate una scelta sul layout - fluido o fisso, in scala o percentuale, un po’ di persone vi odiano. Come fare la giusta scelta e quando?

Personalmente ho sempre pensato che con un pò di Javascript fosse possibile “mettere una pezza” a certi stupidi problemi di rendering che affiorano quando si realizza un documento destinato alla consultazione via browser. Il nodo cruciale di questo ragionamento è proprio il browser: basta aprire gli occhi per rendersi conto dell’esistenza di tanti altri supporti per la navigazione in internet. Ed il Web, così come adesso è strutturato, non è in grado di controllare questo boom ([…] ha fatto molta stada, ma è un settore ancora immaturo.).

Un articolo interessante ed ironico, che non rivela alcuna soluzione, ma fa riflettere molto sull’argomento. Poi, è chiaro, siamo noi a dover decidere.

. Pubblicato sabato 29 aprile 2006 e archiviato in , .

Internet Explorer su Linux? Si può.

Si chiama ies4linux ed è un favoloso script bash in grado di installare IE 6, 5.5 e 5 su Linux, avvalendosi del supporto di Wine. In particolare, ies4linux scarica, installa e configura tutti e tre le versioni del browser, creando automaticamente i comandi necessari per lanciare da terminale (ie6, ie55 e ie5) e cominciare a navigare.

Personalmente ritengo essenziale testare le pagine su browser vecchi e non più utilizzati, per garantire una buona visibilità anche a quella esigua percentuale di persone che non dispongono di software aggiornato. Se poi parliamo di IE, il più utilizzato nella rete, allora questa percentuale aumenta considerevolmente.

Per chi utilizza Windows, ovviamente il problema non si pone: il browser è già installato di default nel sistema. Per utilizzare vecchie versioni di IE su Windows esistono alcune applicazioni come Multiple IEs o IETester. Volendo, infine, è possibile anche utilizzare una vecchia versione di Windows tramite Virtual Machine, e lavorare col vecchio sistema operativo emulato.

Discuti [5]. Pubblicato lunedì 24 aprile 2006 e archiviato in .

XML & Namespace

Curiosando ancora nel nuovo HTML.it, mi sono imbattuto in un interessante articolo sui namespace, dove viene chiarita l’esigenza di differenziare il valore semantico di elementi XML omonimi fra loro, presenti in uno stesso documento.

Ovviamente, diventa più facile anche comprendere il perché dell’attributo xmlns nell’elemento radice html, obbligatorio nella specifica XHTML.

. Pubblicato domenica 23 aprile 2006 e archiviato in , .


Paginatura: